Torna a pagina principale

Preghiere per tutti...

Grazie, Signore, per questi fratelli che sono accanto a me, perché insieme abbiamo l’occasione di lodarti, di ringraziarti, di intercedere, per noi e per tutti…

 

Grazie, Signore, per le tante realtà belle che sono nel mondo: le famiglie, gli amici, le persone disponibili, altruiste, e per tutti quelli che vivono veramente il tuo vangelo…

 

Grazie, Signore, per la nostra parrocchia, grazie per tutte le realtà associative, grazie per le tante iniziative in favore dei bambini, dei malati, degli anziani, dei poveri…

 

Signore, trattieni le persone che hanno sempre fretta, che vogliono raggiungere subito tutti e tutto, si sentono indispensabili, ma non sanno trovare il tempo per riunirsi nella preghiera, nell’eucarestia…

 

Grazie, Signore, per la forza che dai a tante persone per affrontare con coraggio le difficoltà della vita…

 

Grazie, Signore, perché sostieni i sacerdoti e le persone consacrate nel servizio generoso, totale e disinteressato alla Chiesa e ai fratelli, aumenta la loro presenza e fa che noi li sosteniamo, li incoraggiamo, li aiutiamo…

 

Signore, per amore di tuo Figlio che si trova in mezzo a noi, perdona e illumina, coloro che fanno del male pensando di trovare soddisfazioni o di risolvere così i loro problemi…

 

Maria, pensaci tu! Donaci un po’ della tua affabilità, tenerezza, sensibilità, disponibilità a “stare” con tuo Figlio…

 

Maria, tu non hai fatto niente di eccezionale, hai vissuto nel nascondimento, eppure dopo secoli si parla ancora di te, aiuta noi che nonostante la nostra frenesia, l’illusione di onnipotenza, tre giorni dopo morti saremo dimenticati, ad acquisire la tua visione del mondo, delle cose, dello spirito.

Grazie…

 

*****

 

Grazie, Signore, per tutto il bene che ci vuoi e che non perdi mai l’occasione per dimostrarcelo…

 

Grazie per la natura che con i suoi frutti ci alimenta e ci sostiene e che con la bellezza e la maestà delle sue opere ci rasserena, ci incanta, ci distende e ci rinnova…

 

Grazie per la famiglia umana, le nostre famiglie, la mia famiglia specchio del tuo amore, della tua premura, del tuo rispetto, della tua presenza…

 

Grazie per averci inviato lo Spirito che ci sostiene, ci sgrezza, ci rende aperti alla collaborazione, alla misericordia…

 

Grazie perché non ci abbandoni né ci punisci a causa delle nostre mancanze, come pure delle malvagità di tanti…

 

Grazie, Signore, perché la forza del tuo Spirito, allontana da noi la tristezza, la delusione, la voglia di rinunciare…

 

Grazie, Signore, per i tanti germogli di bontà che ci sono nel mondo, nella nostra parrocchia e, alle volte, pure in noi stessi…

 

Ricordati, Signore, in modo particolare di quelli che ci hanno fatto del bene, di quelli che ci hanno trasmesso la tua Parola, il tuo vangelo e ciò di cui oggi in gran parte godiamo…

 

Signore, con l’aiuto del tuo Spirito, desidero essere nella mia parrocchia un tuo testimone, un tuo collaboratore! Abbi pazienza, misericordia, se non sempre ci riesco o alle volte mi dimentico…

 

Signore, sii vicino a tutti quelli che ti stanno “snobbando”, giovani, adulti e anziani: dimenticano o non sanno che tu li ami ugualmente…

 

A te Maria, ci affidiamo e affidiamo tutti i “distratti”…

 

*****

 

Grazie, Signore, perché anche oggi sono qui a ringraziarti a nome di tutti…

Grazie perché tu sei tanto buono, misericordioso e paziente…

Grazie perché continui a voler bene a tutti, anche a coloro che non pensano mai a Te e fanno del male a se stessi ed agli altri…

Grazie per i nostri bambini, adolescenti, giovani, adulti e anziani…

Grazie per la forza, il coraggio che infondi nei cristiani perseguitati, torturati uccisi… sono uno schiaffo morale per noi, spesso paurosi, sempre occupati, timorosi di dar troppo…

Grazie per questo tempo prezioso che ci offri, aiutaci a sfruttarlo…

Grazie per la nostra Comunità parrocchiale…

Perdona i tiepidi, distratti, pigri, superficiali nei tuoi confronti ed in quello degli altri…

Perdona chi fa tanto del male in famiglia, tra le persone care, ai piccoli, agli anziani…

Perdona chi non sa apprezzare la vita e la mette in pericolo, la sciupa nel vizio, nella droga, nel piacere…

Perdona chi semina zizzania, sfiducia, sconforto, malcontento, negatività, invidia, gelosia…

Perdona i tuoi Ministri, le persone consacrate a te…

Perdonaci perché non ricambiamo il tuo amore...

 

******

Illumina, Signore, quelli che non stanno prendendo sul serio il battesimo ricevuto…

 

Illumina, Signore, quelli che non sanno trovare un po’ di spazio per te…

 

Ravviva, Signore, la nostra comunità. Fà che non si disperda in tante attività, smarrendo la strada maestra per tanti sentieri che dividono, portando sempre più lontano…

 

Signore, aiuta il “Piccolo Resto” a comprendere il grande compito che Tu gli stai affidando: traghettare a chi verrà dopo, l’entusiasmo della fede…

 

Signore, fa capire a quelle persone che pensano di venire a te per proprio conto, che questa non è la tua strada…

 

Signore, illumina le menti di chi pensa il bene con fare distorto, sbagliato, violento…

 

Signore, tocca il cuore di tutti coloro che nei modi più impensati, vicini e lontani, fanno soffrire…

 

Maria, aiutaci ad attendere tuo Figlio come l’hai aspettato tu…

 

Maria, portaci con mano, alle Riconciliazione con tuo Figlio in occasione del Natale…

 

 

*******

 

Grazie Signore, perché mi stai guardando, mi pensi, mi ami e hai tanta pazienza con me, la mia famiglia, i miei amici…

 

Grazie Signore perché non ci abbandoni a noi stessi, alle nostre cattiverie, gelosie, rancori. Il tuo sorriso c’incoraggia e ci sprona a cambiare, migliorare…

 

Grazie Signore, perché non temi che ci offendiamo, che ti abbandoniamo, preferendo altri idoli più accomodanti, quando sapientemente ci rimproveri, ci fai notare che non siamo sul sentiero giusto…

 

Signore, vorrei portati qui attorno all’altare tutte le persone della mia comunità, credenti e non credenti, buone e cattive, felici e angustiate, sane ed ammalate come pure l’umanità intera!

Tu che sai tutto, suggerisci a ciascuno una parola di bontà, impegno, tolleranza, perdono…

 

Signore, un pensiero per i tanti giovani, io non conosco quasi nessuno, essi sono l’avvenire, la nostra speranza. Non serve che ti suggerisca soluzioni. Tu sai bene cosa fare, sappi soltanto che anch’io li porto nel cuore…

 

Signore, aumenta in me e in quelli che sono qui attorno a me, la fede, la fiducia, la speranza e la carità virtù che zampillano in ogni eucarestia che celebriamo…

 

Grazie Signore, per i nostri defunti, con il tuo aiuto, hanno saputo far cose che noi riteniamo impossibili perché per noi sarebbero troppo impegnative, conservali alla tua presenza…

 

Signore, ora me ne torno alle mie faccende, vieni con me, accompagnami, stammi vicino. Fa che possa tornare quanto prima,  ricco di doni, di risultati positivi…

 

Signore, fa che sia comunque una settimana serena impegnata, in cui io ti possa dimostrare che ti voglio bene, che ti sono vicino. Maria, sappi che ti porto sempre nel cuore. Grazie…

 

Grazie, Signore, perché anche oggi sono qui a lodarti assieme ai miei fratelli…

 

Grazie, Signore, per la famiglia che mi aiuta, nel bene e nel male, nei momenti difficili e sereni, che mi sprona ed alle volte mi intralcia a realizzare al meglio la mia esistenza incamminata verso di te…

 

Grazie, Signore, per la mia comunità parrocchiale, mistero della tua presenza, aiutami a contribuire a renderla sempre più come tu la stai sognando…

 

Grazie, Signore, per i cristiani indifferenti, brontoloni, pronti alla critica, che non collaborano se non quando hanno bisogno, col loro comportamento mi aiutano a perfezionare la mia fede e la mia fiducia in Te, sono per me una palestra di fedeltà e tenacia…

 

Signore, Tu conosci a fondo la realtà di ogni persona, sii presente prima di tutto in mezzo a chi ha più bisogno di me…

 

Maria, aiutaci e ricordaci il senso vero della nostra esistenza: arrivare presso di Te e, con i nostri fratelli, contemplare il volto di tuo Figlio, nostro Signore…

 

Maria, sii accanto a noi soprattutto nei momenti difficili della nostra vita. Fa che sappiamo pronunciare come Tu il nostro fiducioso alla volontà di Dio…

 

Maria, aiutaci a perdonare, a pazientare, ad essere misericordiosi verso chi sbaglia, chi si crede al sicuro, chi non pensa quasi mai al tuo Figlio, allo spirito, al trascendente…

 

Maria, sotto la tua protezione siamo tranquilli, pensaci, senza distogliere il tuo sguardo dall’umanità intera. Grazie…

 

*******

 

Grazie, Signore, per la comunità che mi accoglie, forse con indifferenza, ma certamente non mi è ostile non mi emargina…

 

Grazie, Signore, per la famiglia, in cui sono innestato come un fiore nella serra, concedici che insieme percorriamo serenamente e con impegno la realtà di ogni giorno…

 

Grazie, Signore, per le proposte, le provocazioni, le circostanze che mi sollecitano continuamente a migliorare il mio carattere, la mia formazione, il mio ruolo di compagno di viaggio…

 

Signore, aiutami a essere più umile, a non offendermi, risentirmi per ogni osservazione che mi fanno. Aiutami a comprendere che anch’io ho ancora tante cose da imparare, tanti buoni esempi da imitare. Aiutami a riconoscere, apprezzare, ringraziare eincoraggiare, chi fa meglio di me…

 

Signore, fa che non sia un peso morto nella comunità, che solo guarda, prende quello che gli interessa, partecipa quando ha tempo, aiutami a essere propositivo, incoraggiante, fiducioso, sereno, orgoglioso della mia comunità…

 

Signore, ora sto guardando quelli che sono qui con me attorno all’altare. Tu conosci i loro problemi, difficoltà, gioie, delusioni, speranze, non lasciarli soli, sii loro accanto…

 

Signore, i bambini, i giovani hanno ripreso l’anno scolastico, fa che aiutati dai maestri, dai professori, dai genitori si preparino ad affrontare la vita con impegno nelle realtà materiali, ma possano incontrare anche chi li indirizza a Te, alle cose spirituali, ai veri valori della vita…

 

Maria, tu hai certamente tante cose da suggerirci, impegni semplici e profondi da proporci. Spesso noi non ti ascoltiamo perché ti soffochiamo con le nostre richieste, i nostri desideri. Aiutaci a tacere, ascoltare, intuire…

 

Maria, dammi una mano, voglio essere anch’io tra i dodici che hanno seguito e collaborato con Gesù…

 

*****

 

Signore, m’hai dato la fortuna di vivere in una famiglia, circondato da persone care che mi vogliono bene e a cui io voglio bene. Non sempre però le cose sono così semplici e vanno nella direzione che ognuno desidererebbe, aiutami ad avere pazienza, fiducia e tanta misericordia…

 

Signore, spesso vorrei vivere da solo, isolato, in solitudine dove tutto si svolge secondo i miei desideri, le mie preferenze, le mie soddisfazioni. So che questo non è possibile, aiutami ad accettare gli altri, con i loro gusti, i loro pensieri, le loro stranezze…

 

Signore, ti ringrazio perché non solo ci indichi la strada, ma ci dai i mezzi adatti per percorrerla: i sacramenti, la preghiera, la parola, la testimonianza di chi è meglio di me…

 

Signore, ti ringrazio perché ti servi anche di me per parlare, incontrare, suggerire, comunicare il tuo affetto. Mi rammarico però perché alle volte, o spesso, ho avuto un illusorio pudore, un ingenuo rispetto e sono rimasto muto sia con i miei cari che con gli amici…

 

Grazie, Signore, per quest’anno liturgico che volge al termine, grazie per tutte le occasioni preziose che ho saputo cogliere. Perdona la mia distrazione e sbadataggine per non aver sempre avvertito il tuo passaggio, la tua proposta…

 

Grazie, Signore, per gl’intoppi, le cadute, le delusioni mi sono servite per maturare, temprare il carattere, imparare che ho ancora bisogno degli altri…

 

Signore, sii misericordioso verso tutti i defunti. A loro modo, bene o male, hanno cercato di trasmetterci valori, insegnamenti, testimonianze. Per coloro che non l’hanno fatto o l’hanno fatto male chiudi un occhio… son pur sempre nostri fratelli e figli tuoi…

 

Maria, presenta il nostro grazie al Padre, al Figlio, allo Spirito e  a tutti i santi che fanno corona con te in cielo. Grazie…

 

******

 

Grazie, Signore.

Tanti sono stati i tuoi benefici, che non so neppure da dove incominciare!

Grazie, Signore, per la famiglia, per i miei cari, per le persone che mi vogliono bene…

Grazie, Signore, per il Paese in cui vivo che mi offre la possibilità di condurre una vita dignitosa…

Grazie, Signore, per le tante realtà positive che la società - rispetto a tante altre -  mette a mia disposizione: una casa, il cibo, le medicine, lo svago…

Grazie, Signore, per la presenza della chiesa, del campanile, della parrocchia che mi ricordano il mio vero destino, il porto sicuro, la meta finale e che mi danno la possibilità di essere aiutato e di aiutare…

Grazie, Signore, per i talenti, le capacità personali, l’intelligenza, la volontà…

Grazie, Signore, perché attraverso la tua Parola, i sacramenti, i sacerdoti, le persone di fede, i fatti della vita, mi aiuti a maturare, a crescere moralmente, in dignità, in consapevolezza di cosa significhi essere un vero uomo, essere un vero cristiano…

Grazie, Signore, del bene che riesco a fare, del buon esempio che, alle volte, è di aiuto anche agli altri, ai più deboli, ai meno fortunati…

<pGrazie, Signore, per le avversità, le sberle della vita, le lacrime versate esse mi aiutano, sono una palestra per saggiare la mia profondità interiore, per verificare se ho costruito sulla roccia…

Grazie, Signore, perché mi metti in guardia dal seguire l’andazzo, la moda, le idee più o meno balzane che la società mi propone…

Grazie, Signore, perché mi dai la possibilità di esercitare la vera libertà, di vivere momenti di pace interiore, serenità profonda, speranza…

Grazie, Signore, perché mi aiuti e mi solleciti a pensare, ragionare, riflettere, ascoltare per decidere consapevolmente…

Grazie, Signore, perché hai con Te le persone che ci hanno preceduti e grazie perché hai preparato un posto, quando sarà ora, anche per me…

Grazie, Signore, per il momento storico e per la Comunità in cui vivo…

Grazie, Signore, per tutto e per tutti e per chi non Ti ringrazia mai!

 

Sacramento degli infermi

DOMENICA 26 MAGGIO

 

ORE 10.00

 

CELEBRAZIONE DELL’EUCARESTIA

E DEL SACRAMENTO

DELL’UNZIONE DEI MALATI

 

 

Fai un regalo ai tuoi cari anziani:

portali alla celebrazione!

  

 Un grazie sincero a nome loro.

Confermazione

DOMENICA 16 GIUGNO

 

ORE 10.00

Nella chiesa di Pasian di Prato

 

CELEBRAZIONE DELL’EUCARESTIA

E DEL SACRAMENTO

DELLA CONFERMAZIONE - CRESIMA

 

Lo Spirito Santo scenda abbondantemente sui nostri giovani e li accompagni in una vita

impegnata, serena e fruttuosa.

 

 

Preghiamo e porgiamo il nostro augurio

ai 17 giovani cresimandi !

avvente 2018

AVVENTO- 2018

 

TEMPO DI ATTESA…

… TEMPO DI PREPARAZIONE

 

Regem venturum Dominum, venite adoremus.

Sta per venire il Signore, venite ad adorarlo.

Questo è il clima spirituale che avvolge tutto l’Avvento:

sta per venire il Signore, prepariamoci!

 

Tre sono le piste che ogni buon cristiano, serio e coscienzioso, cerca di seguire in questo tempo particolare per essere pronto e gioioso ad accogliere l’Emmanuele.

 

1. Impegno personale. Maggiore spazio dato alla preghiera, alla riflessione, alla partecipazione all’eucarestia feriale…

2. Impegno famigliare. Volontà di coinvolgere la famiglia in questo percorso, seppur con gesti semplici, riflessioni appropriate, proposte di partecipazione…

3. Impegno comunitario. Presenza fedele all’incontro eucaristico delle quattro domeniche. Partecipazione all’eucarestia del giovedì, alle ore 20.30.

Riconciliazione comunitaria, di giovedì 20, alle ore 20.30.

 

Grazie Signore, che vieni e ti servi anche di me per comunicare questo lieto annuncio ai fratelli !

Tre sono i personaggi biblici che ci offriranno spunti per la riflessione:

 

ISAIA

 

Un germoglio spunterà dal tronco di Iesse,

un virgulto germoglierà dalle sue radici.

Su di lui si poserà lo spirito del Signore,

spirito di sapienza e d'intelligenza,

spirito di consiglio e di fortezza,

spirito di conoscenza e di timore del Signore.

Si compiacerà del timore del Signore.

Non giudicherà secondo le apparenze

e non prenderà decisioni per sentito dire; 

ma giudicherà con giustizia i miseri

e prenderà decisioni eque per gli umili della terra.

Percuoterà il violento con la verga della sua bocca,

con il soffio delle sue labbra ucciderà l'empio. 

La giustizia sarà fascia dei suoi lombi

e la fedeltà cintura dei suoi fianchi. 

Il lupo dimorerà insieme con l'agnello;

il leopardo si sdraierà accanto al capretto;

il vitello e il leoncello pascoleranno insieme

e un piccolo fanciullo li guiderà.

La mucca e l'orsa pascoleranno insieme; i loro piccoli si sdraieranno insieme.

Il leone si ciberà di paglia, come il bue. 

Il lattante si trastullerà sulla buca della vipera;

il bambino metterà la mano nel covo del serpente velenoso. 

Non agiranno più iniquamente né saccheggeranno

in tutto il mio santo monte,

perché la conoscenza del Signore riempirà la terra

come le acque ricoprono il mare. Is. 11,1-9

 

 

GIOVANNI BATTISTA

 

Giovanni andò a vivere nel deserto, conducendo una vita di penitenza e di preghiera, secondo la tradizione ebraica del voto di nazireato:

"Giovanni portava un vestito di peli di cammello e una cintura di pelle attorno ai fianchi;

il suo cibo erano locuste e miele selvatico" Mc. 1,6.

Nei Vangeli è definito

"voce di uno che grida nel deserto, come è scritto nel profeta Isaia:

Ecco, io mando il mio messaggero davanti a te, egli ti preparerà la strada.

Voce di uno che grida nel deserto: preparate la strada del Signore, raddrizzate i suoi sentieri";

o nelle profezie di Malachia

"Ecco, io manderò un mio messaggero a preparare la via davanti a me e subito entrerà nel suo

tempio il Signore, che voi cercate; l'angelo dell'alleanza, che voi sospirate, ecco viene, dice il Signore

degli eserciti."…

 

MARIA

 

Al sesto mese, l'angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nàzaret, 2

7a una vergine, promessa sposa di un uomo della casa di Davide, di nome Giuseppe. La vergine si chiamava Maria. 

Entrando da lei, disse: «Rallégrati, piena di grazia: il Signore è con te». 

A queste parole ella fu molto turbata e si domandava che senso avesse un saluto come questo. 30L'angelo le disse:

«Non temere, Maria, perché hai trovato grazia presso Dio.

31Ed ecco, concepirai un figlio, lo darai alla luce e lo chiamerai Gesù.

32Sarà grande e verrà chiamato Figlio dell'Altissimo;

il Signore Dio gli darà il trono di Davide suo padre

33e regnerà per sempre sulla casa di Giacobbe e il suo regno non avrà fine».

34Allora Maria disse all'angelo:

«Come avverrà questo, poiché non conosco uomo?».

35Le rispose l'angelo: «Lo Spirito Santo scenderà su di te e la potenza dell'Altissimo ti coprirà con la sua ombra.

Perciò colui che nascerà sarà santo e sarà chiamato Figlio di Dio.

36Ed ecco, Elisabetta, tua parente, nella sua vecchiaia ha concepito anch'essa un figlio

e questo è il sesto mese per lei, che era detta sterile:

37nulla è impossibile a Dio».

38Allora Maria disse:

«Ecco la serva del Signore: avvenga per me secondo la tua parola».

E l'angelo si allontanò da lei. Lc. 1,26-38

 

Maria, accompagnami tu e fà che non sprechi questo tempo prezioso dell’Avvento.

A Natale sarò uno dei pastori che, stupito ed ammirato, adorerà con te il Bambino,

venuto per aiutarci!

Grazie e... avanti!

 

 

AI COLLABORATORI CON UN GRAZIE PER IL SERVIZIO PRESTATO

ED UN ANTICIPO PER QUELLO CHE FAREMO!

 

 

 

 

Stimati collaboratori, terminate le “fatiche” delle ferie, stiamo per riprendere le attività pastorali.

Inizieremo nel migliore dei modi: con La Riconciliazione, bagno salutare per scrollarci di dosso tutte le tossine e impurità che inevitabilmente ci hanno contagiato in questi mesi di vacanza (?). In verità per alcuni la vita scorre proprio bene senza farsi mancare nulla (ringraziate ogni giorno il Signore), per altri è un po’ più ordinaria, per gli sfaccendati o egoisti, monotona!

Riprendiamo con entusiasmo. Via da noi stanchezza, malinconia, gelosia, risentimento. Non lavoriamo per il parroco, il diacono, il sacrestano, i parenti, i compaesani, ma per il Signore!

Questo pensiero dovrebbe esaltarci e allontanarci da ogni tentativo di rinuncia o abbandono.

 PERO’, come nella vita, o s’imposta il tutto nell’orizzonte dell’amore o e meglio rinunciare !

 Lungi da noi l’essere condizionati, nel nostro impegno, nella nostra disponibilità, dall’umore, dal pettegolezzo, dal menefreghismo di alcuni.

Ogni cristiano per sentirsi ed essere tale, dovrebbe svolgere un piccolo o grande impegno per la comunità in cui vive indipendentemente dalle preferenze personali alle quali nessuno chiede la rinuncia. Vivere alle spalle degli altri lasciamolo a chi si pensa più sapiente, moderno, avanzato.

Per i più sbadati, ricordiamo alcuni modi di essere vivi nella comunità.

Il più semplice e alla portata di tutti è pregare ogni giorno per la propria comunità…

Partecipare all’eucarestia feriale in cui si prega per sé e per gli altri è “super”…

Collaborare nell’ambito della Liturgia o della Catechesi o della Carità …

Collaborare al decoro della chiesa, degli ambienti dell’oratorio… (ho preso qualche volta la scopa in mano, ho portato qualche fiore per renderla più bella accogliente?)…

Collaborare con le varie Associazioni che hanno come punto di riferimento la Comunità cristiana…

Aggiungiamo l’estro, il genio personale e avremo delle piacevoli sorprese…

Infine, ringraziamo il Signore per quei cristiani, e sono la maggioranza, che impeccabili, imperturbabili, usano quando va a genio o quando hanno tempo, della chiesa, pronti però e disponibili a far notare quello che non va, mentre loro non muovono neppur un dito, non si sporcano le mani, non si coinvolgono minimamente. Costoro sono il test più affidabile per saggiare la profondità della nostra fede che sorretta da una sviluppata spiritualità guarda, osserva, pazienta, usa misericordia, intercede… e non abbandona Colui che con un sorriso ti chiede una mano…

 Aiutiamoci ad essere così!

Don Renato

Passons, 6 settembre 2018

Pagina 1 di 24

Vai all'inizio della pagina