Torna a pagina principale

Slogan della pace 2016
Vinci l’indifferenza e conquista la pace! Read More... (Leggi Tutto)
IMAGE Santo Rosario
Recita del Santo Rosario e recita della Coroncina della Misericordia.  Secono lunedì del mese - ore 20.00 Read More... (Leggi Tutto)
Convocazione domenicale
 Ogni domenica il Signore ti convoca al banchetto, insieme ai tuoi fratelli, non lasciare vuoto il tuo posto!           Read More... (Leggi Tutto)

 

Locandina
12x1 ora

 


CHIOSCHI E PISTA DA BALLO AL COPERTO

 

 
Allegati:
Scarica questo file (Locandina.pdf)Programma 2016[SCARICA IL PROGRAMMA COMPLETO]11456 kB
Insiemi

 

INVITO ALLA FESTA COMUNITARIA

DEI LUSTRI MATRIMONIALI 2016

PARROCCHIA DI S. MARTINO

PASSONS

 

Allegati:
Scarica questo file (LUSTRI 2016.pdf)LUSTRI 2016.pdf[SCARICA IL PROGRAMMA COMPLETO]82 kB
Leggi tutto: Lustri 2016

 

 

 

 

FESTA  DELLA  SANTISSIMA  TRINITA’

 

La nostra fede, nel Dio invisibile, è necessariamente contornata da vari misteri perché richiede, al cristiano, la fiducia alla parola di Cristo che ci ha rivelato realtà che sfuggono al controllo dei nostri sensi.

 5Simone rispose: «Maestro, abbiamo faticato tutta la notte e non abbiamo preso nulla; ma sulla tua parola getterò le reti». Lc. 5

 

Alla parola “mistero” possiamo attribuire due significati: una realtà umana che, per il momento, sfugge alla nostra comprensione, ma che lo studio, la ricerca, l’intelligenza dell’uomo, ci auguriamo, un giorno sapranno spiegare, o una realtà che, comunque, mai potremmo dimostrare con le nostre capacità umane per che sottratta ai nostri sensi.

Entrambe le definizioni non portano alla conclusione che sono situazioni inesistenti, frutto soltanto della fantasia.

Così il mistero cristiano è per definizione indimostrabile, ma non per questo irreale.

Il catechismo della Chiesa Cattolica si esprime così: Due sono i misteri principali della fede:

 

  1. Unità e Trinità di Dio

  2. Incarnazione, passione, morte e risurrezione di Gesù Cristo.

 

La festa liturgica della SS. Trinità ci porta a contemplare una verità rivelata da Gesù Cristo, durante la sua vita terrena. Dio è uno solo, in tre Persone, uguali e distinte: Padre, Figlio, Spirito Santo.

Se un piccolo bagliore possiamo intravedere, questo poggia sul concetto dell’amore.

L’amore è relazione, donazione, contemplazione…

La fonte stessa dell’amore, Dio:  8Chi non ama non ha conosciuto Dio, perché Dio è amore. 1Gv.4 non può trovare significato nella contemplazione soltanto di se stesso, vivendo in solitudine. Il suo amore deve esternarsi verso qualcuno ed essere a sua volta ricambiato. L’amore inoltre, non è soltanto compiacimento l’uno dell’altro, ma è apertura alla vita, all’espansione, è circolare…       

Condizione minima per passare da un punto all’altro e ritornare al punto di partenza, senza ripercorrere lo stesso tracciato, è dato da tre punti distinti.

 

 

Un pallido ragionamento umano, soltanto umano, per immaginare la relazione indispensabile che esiste nella Trinità: il Padre ama il Figlio, il Figlio ama il Padre e la relazione genera lo Spirito.

Guarda caso, è lo stesso principio che genera e regge la famiglia umana: padre, madre, figlio!

 

Il Signore ci perdoni questa banalizzazione nel ragionamento ed accetti la nostra lode umile e riconoscente:

 

 


Gloria al Padre                                         Gloria Patri,

e al Figlio                                                  et Filio,

e allo Spirito Santo.                                   et Spiritui Santo.

Come era nel principio                             Sicut erat in principio

e ora e sempre,                                          et nunc, et semper 

nei secoli dei secoli.                                  et in secula seculorum.

Amen.                                                        Amen.  

 

   

 

Immagine dell'occhio vigile di Dio che tutto osserva e che ha caratterizzato gran parte della

nostra iconografia della SS. Trinità.

                                          

 

 

 

 

 

 


 

 

 

 

SIGNORE, QUESTA NOTTE, SAREMO ANSIOSI E TREPIDANTI IN ATTESA DELL'ALBA,

INFATTI,  VOGLIAMO

ESSERE TRA I PRIMI A SENTIRE IL CANTO

 

CHE VOLENTIERI PARTECIPIAMO A TUTTI COLORO CHE SI COLLEGHERANNO CON QUESTO SITO.

 

Esulti il coro degli angeli,


esulti l'assemblea celeste:


un inno di gloria saluti il trionfo del Signore risorto.
Gioisca la terra inondata da così grande splendore;
la luce del Re eterno ha vinto le tenebre del mondo.
Gioisca la madre Chiesa, splendente della gloria del suo Signore,
e questo tempio tutto risuoni
per le acclamazioni del popolo in festa.
E voi, fratelli carissimi,
qui radunati nella solare chiarezza di questa nuova luce,
invocate con me la misericordia di Dio onnipotente.
Egli che mi ha chiamato, senza alcun merito,
nel numero dei suoi ministri, irradi il suo mirabile fulgore,
perché sia piena e perfetta la lode di questo cero.




 In alto i nostri cuori.
Sono rivolti al Signore.

Rendiamo grazie al Signore, nostro Dio.
È cosa buona e giusta.

È veramente cosa buona e giusta
esprimere con il canto l'esultanza dello spirito,
e inneggiare al Dio invisibile, Padre onnipotente,
e al suo unico Figlio, Gesù Cristo nostro Signore.

Egli ha pagato per noi all'eterno Padre il debito di Adamo,
e con il sangue sparso per la nostra salvezza
ha cancellato la condanna della colpa antica.
Questa è la vera Pasqua, in cui è ucciso il vero Agnello,
che con il suo sangue consacra le case dei fedeli.
Questa è la notte in cui hai liberato i figli di Israele, nostri padri,
dalla schiavitù dell'Egitto,
e li hai fatti passare illesi attraverso il Mar Rosso.
Questa è la notte in cui hai vinto le tenebre del peccato
con lo splendore della colonna di fuoco.
Questa è la notte che salva su tutta la terra i credenti nel Cristo
dall'oscurità del peccato e dalla corruzione del mondo,
li consacra all'amore del Padre
e li unisce nella comunione dei santi.

 

 

Questa è la notte in cui Cristo, spezzando i vincoli della morte,
risorge vincitore dal sepolcro.
Nessun vantaggio per noi essere nati, se lui non ci avesse redenti.
O immensità del tuo amore per noi! O inestimabile segno di bontà:
per riscattare lo schiavo, hai sacrificato il tuo Figlio!
Davvero era necessario il peccato di Adamo,
che è stato distrutto con la morte del Cristo.
Felice colpa, che meritò di avere un così grande redentore!
O notte beata, tu sola hai meritato di conoscere
il tempo e l'ora in cui Cristo è risorto dagli inferi.
Di questa notte è stato scritto: la notte splenderà come il giorno,
e sarà fonte di luce per la mia delizia.
Il santo mistero di questa notte sconfigge il male,
lava le colpe, restituisce l'innocenza ai peccatori,
la gioia agli afflitti.

 

 

Dissipa l'odio, piega la durezza dei potenti,
promuove la concordia e la pace.
O notte veramente gloriosa,
che ricongiunge la terra al cielo e l'uomo al suo creatore!
In questa notte di grazia accogli, Padre santo, il sacrificio di lode,
che la Chiesa ti offre per mano dei suoi ministri,
nella solenne liturgia del cero,
frutto del lavoro delle api, simbolo della nuova luce.
Riconosciamo nella colonna dell'Esodo
gli antichi presagi di questo lume pasquale
che un fuoco ardente ha acceso in onore di Dio.
Pur diviso in tante fiammelle non estingue il suo vivo splendore,
ma si accresce nel consumarsi della cera
che l'ape madre ha prodotto
per alimentare questa preziosa lampada.

 

 

Ti preghiamo, dunque, Signore, che questo cero,
offerto in onore del tuo nome
per illuminare l'oscurità di questa notte,
risplenda di luce che mai si spegne.
Salga a te come profumo soave,
si confonda con le stelle del cielo.
Lo trovi acceso la stella del mattino,
questa stella che non conosce tramonto:
Cristo, tuo Figlio, che risuscitato dai morti
fa risplendere sugli uomini la sua luce serena
e vive e regna nei secoli dei secoli.
Amen.

 

PASQUA DEL SIGNORE

 

 

DAMMI UNA MANO,

 

INSIEME,

 

MIGLIOREREMO

 

LA COMUNITA’

 

                       

GRAZIE, PERCHE’ NON SEI COME GLI ALTRI CHE MI RISPONDONO SEMPRE:

“NON HO TEMPO !”

 News - Marzo 2016

 

 

VI ANNUNCIO UNA GRANDE GIOIA…

 

E’ lo stesso augurio rivolto tre mesi fa, in occasione del santo natale. Se esso fu un avvenimento sconvolgente: Dio che si fa uomo, quello di oggi non ha paragoni: la morte viene sconfitta.

 

CRISTO E’ RISORTO !

 

Leggi tutto: News marzo 2016

Pagina 1 di 24

Vai all'inizio della pagina