Torna a pagina principale

IMAGE STUDIO DEL VANGELO
             PER COLORO CHE  AMANO   CONOSCERE – APPROFONDIRE – DISCUTERE   IL TESTO DEL VANGELO     OGNI LUNEDI’ - ORE 20.30... Read More... (Leggi Tutto)
Preghiamo con i Santi
    FESTA DI TUTTI I SANTI   Orario delle celebrazioni:   10.00   santa messa 15.00   celebrazione al cimitero 20.30   recita del sento... Read More... (Leggi Tutto)
IMAGE E' INIZIATO IL PERCORSO
E' INIZIATO IL PERCORSO    Sono gli incontri per i bambini ed i ragazzi delle medie    Sabato: 15.00 - 16.30   e l'Animazione per elementari,... Read More... (Leggi Tutto)
Catechesi 2016-2017
PARROCCHIA DI SAN... Read More... (Leggi Tutto)
Convocazione domenicale
 Ogni domenica il Signore ti convoca al banchetto, insieme ai tuoi fratelli, non lasciare vuoto il tuo posto!           Read More... (Leggi Tutto)

 

Il modo migliore per prepararci al Natale

è riflettere un po' sull'impostazione della nostra fede

 

 Voce di uno che grida nel deserto

 

Per gridare bisogna aver qualcosa da dire!

Puoi dire di conoscere – pochissimo, poco, abbastanza, bene – il messaggio di Gesù?

Non rispondere “abbastanza”, se prima non hai risposto a te stesso, quello che sai.

Pensi che il messaggio di Gesù si riduca a dei fatterelli, miracoli, guarigioni…

 

Quanti “detti”, principi, ragionamenti, proposte, inviti… di Gesù conosci?

 

Te la senti di sostenere con un ateo, un miscredente le ragioni positive della tua fede?

Se no, significa che sei un superficiale, un tradizionalista, che fai e dici perché si è sempre detto così!

Cristiani poco motivati, oggigiorno, sono un danno per il messaggio evangelico perché lo annacquano, non lo rendono interessante. Un siffatto modo non entusiasma neppure chi ci vive accanto, in famiglia, tra gli amici, le persone care.

 

Quanto guardi, critichi, ti lasci influenzare dagli altri per giustificare te stesso?

Se usiamo lo stesso metodo con cui da bambini formavamo le squadre di calcio o di altri giochi, Gesù ti sceglierebbe tra i primi, a metà squadra, verso la fine o per ultimo, commosso per non escluderti del tutto?

 

Quanto son convinto che la preghiera, l’eucarestia, la riconciliazione, i sacramenti in genere, sono l’allenamento, i ricostituenti, le vitamine per essere pronti, efficienti nell’affrontare le difficoltà, le contraddizioni, la pesantezza della vita?

 

Come posso gridare nel deserto - come purtroppo, sembra la nostra società dal punto di vista morale, spirituale - se sono io per primo stanco, sfinito, assetato, disilluso, scettico?

 

Ho il coraggio, la forza, l’entusiasmo di parlare di Dio, delle cose spirituali, del senso della vita, del male come pure della grazia, della speranza, della collaborazione… prima di tutto in famiglia, tra marito e moglie, genitori e figli, nonni e nipoti? Poi tra amici, compagni di lavoro, di svago? O tutto questo resta un tabù, una zona d’ombra, una privaci che m’imbarazza? Quando ho parlato l’ultima volta di queste cose?

 

Guardiamo negli occhi Gesù: che desidera? Uno stuolo di persone prostrate con la faccia a terra che non osano alzare lo sguardo al suo passaggio – come vediamo in certi film – o un manipolo di atleti scalpitanti desiderosi di battersi con l’avversario incarnato dal male, dalla violenza, dal menefreghismo, dalle ingiustizie, che sembra dilagare indisturbato?

 

Vogliamo sì o no, accogliere questo Dio che ci viene incontro nel natale per darci una mano, mettendosi alla testa e sperimentando prima su se stesso che cosa significhi la sconfitta, l’ingratitudine, il rifiuto, ma contemporaneamente aprendoci delle strade che chi non ama e non si lascia coinvolgere, neppure immagina ci possano esistere?

 

 

 

 

                    Dicembre 2017

 

 

DIAMO UN NOME

AL NATALE !

 

Il natale oramai s’avvicina, ed è tutto un fermento, si preparano i festeggiamenti, i regali, gli addobbi, le manifestazioni, i pranzi, le ferie.

Tra poco incomincieremo a scambiarci gli auguri di Buon Natale, alle strette di mano, ai sorrisi, ai gesti di bontà, di cortesia.

 

Ma natale di chi?

Leggi tutto: News Natale 2017

Siamo in tre, o forse in quattro, che ci poniamo una domanda alla quale non sappiamo darci una risposta soddisfacente. Perché quest’accanimento contro il corpo che da poco ci ha abbandonati? Eppure senza un corpo noi non saremmo mai esistiti. E’ stato il compagno della nostra vita. Ci ha dato la possibilità di esprimere noi stessi, le nostre potenzialità, i nostri sentimenti, i nostri affetti più cari. Ci ha permesso di realizzare in opere, in fatti, documenti quello che era il nostro pensiero. La nostra fantasia è diventata letteratura, poesia, pittura, scultura, architettura… Sì, purtroppo, il corpo è stato anche strumento di sofferenza, di malattia, di azioni negative, forse malvagie. Tuttavia ora, soltanto perché è inerme, lo vogliamo buttare, bruciare, ridurre in cenere? Da dove trae origine quest’ardore così impetuoso e dilagante dei nostri giorni tanto da costringere a moltiplicare i “forni crematori”? Sono soltanto esigenze pratiche, economiche, di spazi, d’igiene? E’ una moda? E’ una vendetta perché ci ha abbandonati? Cimitero è una parola greca che significa “luogo di riposo”. Saggi o ingenui o superstiziosi i nostri padri che preparavano con cura, con rispetto, il corpo del defunto, rivestendolo col vestito della festa, ponendo alle volte in mano un oggetto a lui caro, prima di accompagnarlo con solennità al luogo del riposo? Dalla cenere al nulla, il passo è breve, si vuol forse cancellare ogni traccia della morte? Bizzarrie del comportamento umano! Se troviamo un reperto, un sassolino, un frammento di parete, un edificio cadente, un pezzo di ponte, un albero secolare tutto s’inceppa, ogni lavoro è bloccato. Guai a chi ci mette mano o deturpa o danneggia. Veramente il nostro corpo, esaurito il suo compito, vale meno di un sassolino? Per metterci in pace con la coscienza argomentiamo che ciò che fa l’uomo in poco tempo lo farebbe la natura. Sta proprio qui il problema! Che la natura faccia il suo corso è nell’ordine delle cose, altro invece è che l’uomo positivamente disponga la riduzione al nulla di quello che fu parte integrante del suo esistere.

 

Renato Zuliani

 

 

 

 

 

 

 

 

 

FESTA DI TUTTI I SANTI

 

Orario delle celebrazioni:

 

10.00   santa messa

15.00   celebrazione al cimitero

20.30   recita del sento rosario in chiesa

 

 

COMMEMORAZIONE DEI DEFUNTI

 

Orario delle celebrazioni:

 

10.00  santa messa, al cimitero

20.30  santa messa in suffragio di tutti i defunti, in chiesa

 

L'eterno riposo dona a tutti i nostri morti, o Signore, e splenda ad essi la luce perpetua!

 

 

Passons News: Settembre 2017

 

Mamma,

         eccoci !

 

Leggi tutto: Maria di Nazareth

 

Tutto è pronto,

accomodatevi a prender posto...

vi aspettiamo numerosi !

 

 

Fieste in Pâis 2017

 

 

 

Pagina 2 di 27

Vai all'inizio della pagina