Torna a pagina principale

IMAGE STUDIO DEL VANGELO
             PER COLORO CHE  AMANO   CONOSCERE – APPROFONDIRE – DISCUTERE   IL TESTO DEL VANGELO     OGNI LUNEDI’ - ORE 20.30... Read More... (Leggi Tutto)
Preghiamo con i Santi
    FESTA DI TUTTI I SANTI   Orario delle celebrazioni:   10.00   santa messa 15.00   celebrazione al cimitero 20.30   recita del sento... Read More... (Leggi Tutto)
IMAGE E' INIZIATO IL PERCORSO
E' INIZIATO IL PERCORSO    Sono gli incontri per i bambini ed i ragazzi delle medie    Sabato: 15.00 - 16.30   e l'Animazione per elementari,... Read More... (Leggi Tutto)
Catechesi 2016-2017
PARROCCHIA DI SAN... Read More... (Leggi Tutto)
Convocazione domenicale
 Ogni domenica il Signore ti convoca al banchetto, insieme ai tuoi fratelli, non lasciare vuoto il tuo posto!           Read More... (Leggi Tutto)

Sorpresi è dir poco...

 

Siamo sorpresi, sconcertati, amareggiati, delusi da queste continue rivelazioni di scandali, ammanchi, corruzioni, ingordigie, spregiudicatezze - e chissà quante ce ne sarebbero ancora se venissero scoperchiate altre pentole nei settori e nelle istituzioni più disparate, non ultime le ecclesiali – ma ciò che ci rammarica di più sono i rimedi proposti, a buoi già scappati dal recinto.

Pene più severe, commissari ad hoc, magistrati inquirenti, polizia, guardia di finanza, controlli incrociati…

Ritengo che se anche venisse assegnato un vigilante ad ogni persona, poco cambierebbe perché chi ci potrebbe assicurare di colui che deve assicurare?

Certamente va fatto qualcosa per riportare nel recinto chi pensava di andarsene impunito, in barba a regole, principi morali, convivenza sociale, ma il vero problema sta altrove.

I bambini, i ragazzi, i giovani, le famiglie…

Formazione, formazione ed ancora formazione ai valori morali, civili - e perché no - anche religiosi, questa è la strada, in salita, faticosa, dai lenti risultati, ma che apre certamente ad un futuro migliore.

Principi morali condivisi, principi dettati dal buon senso, dalla convivenza civile e particolare attenzione alla formazione della coscienza che ne diviene il termometro, l’allarme, l’approvazione: su questo si dovrebbe concentrare il programma di chi ama un’Italia diversa, un’Italia che sognamo!

Certo, questo percorso difficilmente porta voti, sicuramente non la prime pagine dei giornali, dei talk show, non rimpingua i conti bancari, non attira le folle dei fans, né si accontenta di altisonanti discorsi e proclami, anche se pronunciati da persone rispettabili e/o altolocate.

Quali i soggetti in prima linea in questo progetto vecchio e nuovo, ad un tempo, ma difficilmente preso sul serio? La famiglia? la scuola? le associazioni? le parrocchie? le altre realtà religiose e culturali? la politica? i mas midia?

Tutti! Secondo le loro competenze e le gerarchie di specificità.

Ma è proprio contro queste “agenzie” che, da più parti, si scatenano tutto il vituperio, lo scredito, le banalità, l’astio,  il turpiloquio, il superamento culturale, in vista di una società ritenuta più libera, avanzata, moderna. E’ il gatto che si morde la coda.

Chi ci libererà da questo circolo vizioso? Coloro che mettono al primo posto il bene degli altri, Colui che ama spassionatamente gli uomini e non ha paura di dire pane al pane e vino al vino, Colui che non è determinato dall’audiens, Colui che si mette davanti e non dice: “Armiamoci e partite”, Colui che dice: "Vi do un comandamento nuovo: che vi amiate gli uni gli altri. Come io ho amato voi, così amatevi anche voi gli uni gli altri". Gv 13.34.

Lavoro immane, controcorrente, avaro di soddisfazioni immediate, ma che urge da parte di chi ci crede e ne è convinto, di unirsi per far sentire con insistenza la propria voce.

Come primo traguardo, potrebbe essere il sottrarre il pulpito a chi predica libertà soltanto come un diritto e non anche come un dovere, libertà a poco prezzo, in discesa, dietro l’angolo. Libertà all’estro, al mi piace, al mi torna conto. Sfatiamo questo slogan che non porta da nessuna parte: “Sono libero di fare quello che voglio, basta non recare danno agli altri!” E a te stesso non ci pensi?  alle tue potenzialità? al tuo contributo umano e sociale? Vuoi vivere solo da parassita?

Tu conosci le sorti dei parassiti delle piante e dei fiori. Se a te non capita la stessa sorte è perché una buona parte di società è veramente maturata ed ha capito che certi metodi fanno parte del passato, sono superati e, comunque, non la qualificherebbero come all’avanguardia, emancipata, progredita, moderna, in sintonia coi tempi.

Con simpatia.

don Renato

 

Giugno 2014

DOMENICA 7 GIUGNO

CORPUS DOMINI e FESTA DEI LUSTRI

ORE 10.30

EUCARESTIA DI RINGRAZIAMENTO

 

               unzione dei malati             

 

DOMENICA 25 MAGGIO ORE 10.30

13Chi tra voi è nel dolore, preghi; chi è nella gioia, canti inni di lode. 14Chi è malato, chiami presso di sé i presbìteri della Chiesa ed essi preghino su di lui, ungendolo con olio nel nome del Signore. 15E la preghiera fatta con fede salverà il malato: il Signore lo solleverà e, se ha commesso peccati, gli saranno perdonati. 16Confessate perciò i vostri peccati gli uni agli altri e pregate gli uni per gli altri per essere guariti. Molto potente è la preghiera fervorosa del giusto. 17Elia era un uomo come noi: pregò intensamente che non piovesse, e non piovve sulla terra per tre anni e sei mesi. 18Poi pregò di nuovo e il cielo diede la pioggia e la terra produsse il suo frutto. Gc. 5,13-18

 

Leggi tutto: Unzione dei malati

A CESARE QUEL CHE E’ DI CESARE

                            A DIO QUELLO CHE E’ DI DIO

 

 

Leggi tutto: A CESARE E A DIO

ALLELUJA, ALLELUJA, ALLELUJA…

 

Grazie, Signore, perchè sei sempre a disposizione di chi ha fame di Te!

 

Leggi tutto: LA COMUNIONE

 Come restare indifferenti ad un simile sguardo?

 

Leggi tutto: Ogni sera con Maria

Pagina 18 di 29

Vai all'inizio della pagina