Torna a pagina principale

 

                   

 

Passons News

 Settembre 2016

 

 

 

 SALVE, MARIA !

 Sotto la tua protezione cerchiamo rifugio,
santa Madre di Dio;
non disprezzare le suppliche
di noi che siamo nella prova,
ma liberaci da ogni pericolo,
o Vergine gloriosa e benedetta.

 

  

2016

ANNO SANTO

DELLA

MISERICORDIA

  

Quest’anno particolare, cara Mamma, desideriamo onorarti in modo del tutto particolare.

Qual è la gioia più grande per una madre? La felicità, l’onore, il successo, la riconoscenza, l’apprezzamento da parte degli altri, del valore del proprio figlio!

Desideriamo, quest’Anno della Misericordia, far contento Tuo Figlio e di conseguenza anche Te, Madre carissima, riflettendo in modo particolare sulla nostra vita, sia personale, sia in relazione con la famiglia, sia con la comunità, sia con gli altri.

La Riconciliazione, per noi cristiani uno dei sacramenti più importanti, se non ci fosse saremmo già quasi tutti con qualche metro di terra sulla pancia! E invece abbiamo la possibilità di ricominciare risanati, rinfrancati forse ancora malconci ma vivi e speranzosi di fare ancora qualcosa di buono.

Questo ragionamento vale anche per chi ha abbandonato la Chiesa e non crede più in Cristo o non ci ha mai creduto.

Guardarsi negli occhi, togliersi ogni maschera, allentare gli stimoli di difesa per mettersi in discussione, dire i propri sentimenti, le proprie aspettative, le profonde delusioni e, nello stesso tempo, ascoltare anche il pensiero degli altri, della persona amata, dei propri figli, dei propri genitori fa bene prima di tutto alla singola persona e, di riflesso, anche alle persone con cui si condivide l’avventura della vita. Riconciliazione sacramento o riconciliazione laica, purché sia riconciliazione sarà un bene per tutti come pure un modo diversificato per onorare la Madonna.

 

 MARIA, UNA DONNA !

 

Carissimi abitanti di Passons, senza distinzioni, senza scappatoie perché residenti in Comune di Martignacco o di Udine, siete tutti indistintamente miei figli della famiglia di San Martino, ed ho una proposta da farvi.

Perché non incominciate a guardarvi negli occhi senza paure, prevenzioni, diffidenze. Io lo so, anche se non lo lasciate intendere, voi avete più o meno, i medesimi problemi, gli stessi affanni: lavoro, figli, anziani, solitudini, malanni, sotterfugi, sconfitte, ma anche soddisfazioni…

Pensate che tenendo nascosti i problemi, prima o poi, si risolveranno senza che nessuno se ne accorga? Voi non dovete piacere agli altri, dovete essere in pace, in armonia con voi stessi e solo così sarete graditi, sicuramente anche agli altri.

A che serve esporre vistosamente all’esterno della casa, fiocchi rosa o azzurri se nessuno, o quasi, neppure conosce il volto del padre o della madre? “Cui prodest”, il fiocco rosa per esternare con orgoglio, il conseguimento della laurea del proprio figlio?

O l’epigrafe della morte di un congiunto? Meglio pubblicarla sul giornale, così da qualche angolo del Friuli, ci sarà qualcuno che si farà presente. Perché v’incrociate nelle strade e non dite una parola, né un cenno di saluto? Sono più interessati i cani, quando s’incontrano, che non voi persone! Quello che ancor più mi rattrista è che anche i giovani e persino i bambini si comportano così. Questa è l’alba di una generazione di persone ripiegata su se stessa, sui propri problemi, indifferente agli altri, e a quello che capita attorno ad essa. Tutto ciò è perdente. In quest’orto, accoglienza, solidarietà saranno parole sconosciute!

 Lasciatevi guidare, stendetemi la mano e Io, stringendola a tutti, vi accompagnerò

credenti e non, buoni e cattivi, sani e malati, giovani e anziani…

 

PROGRAMMA

 

Giovedì 8 settembre

 

Ore 20.30

Riconciliazione Comunitaria

 

Domenica 11 settembre

 

Ore 10.30 solenne celebrazione

dell’eucarestia,

 processione con la statua della Madonna,

seguirà il pranzo comunitario,

sotto il tendone,

nel cortile della parrocchia.

 

 

Domenica 18 settembre

 

GIUBILEO DELLA MISERICORDIA

 

 

SANTUARIO MADONNA MISSIONARIA

di TRICESIMO

ORE 15.00

 

Maria, aspettaci, ci saremo!

 

 

Vai all'inizio della pagina